Come quando si scappa

lunedì 26 Settembre 2022

Un luzzarese spiegava in dialetto qual è l’ora più bella di Luzzara: sarebbe quando lui d’inverno viene fuori dal caldo – è impiegato in municipio – e il freddo gli dà un piacere che non riesce a spiegare, e corro a passetti brevi per dieci o quindici metri, dice, mentre si accendono i lampioni sopra la sua testa e saluto la gente con dei ciao secchi, allegri, come quando si scappa sotto i portici per un improvviso acquazzone.

Paul Strand, Cesare Zavattini, Un paese, Torino, Einaudi 2021, p. VII

Buon anno

sabato 1 Gennaio 2022

Vivere è stare svegli
e concedersi agli altri,
dare di sé sempre il meglio,
e non essere scaltri.

Vivere è amare la vita
con i suoi funerali e i suoi balli,
trovare favole e miti
nelle vicende più squallide.

Vivere è attendere il sole
nei giorni di nera tempesta,
schivare le gonfie parole,
vestite con frange di festa.

Vivere è scegliere le umili
melodie senza strepiti e spari,
scendere verso l’autunno
e non stancarsi d’amare.

[Angelo Maria Ripellino, Poesie. 1952-1978, Torino, Einaudi 1990, p. 21]

Un miracolo

mercoledì 15 Dicembre 2021

Ogni anno vado a trovare padre Pio. Ero in collera con mia sorella, dal tempo della morte di mio padre; poi, quando ho parlato con padre Pio, ho sentito dentro una cosa e le ho scritto una cartolina: saluti.

[Paul Strand, Cesare Zavattini, Un paese, Torino, Einaudi 2021, p. 30]

Lo stesso giorno

martedì 14 Dicembre 2021

Io voglio morire lo stesso giorno che non sono più buono di vestirmi e di svestirmi da solo.

[Io quest’anno per natale mi regalo quel libro qua]

7 ottobre – Bologna

giovedì 7 Ottobre 2021

Giovedì 7 ottobre,
a Bologna,
alla Libreria Ambasciatori,
in via degli Orefici 19,
alle 18,
parlo con Alberto Rollo
del suo romanzo
Il miglior tempo
(Einaudi)

I nomi delle strade

sabato 1 Maggio 2021

I nomi delle strade

Le strade sono
tutte di Mazzini, di Garibaldi,
son dei papi,
di quelli che scrivono,
che danno degli ordini, che fanno la guerra.
E mai che ti capiti di vedere
via di uno che faceva i berretti
via di uno che stava sotto un ciliegio
via di uno che non ha fatto niente
perché andava a spasso
sopra una cavalla.
E pensare che il mondo
è fatto di gente come me
che mangia il radicchio
alla finestra
contenta di stare, d’estate,
a piedi nudi.

[Nino Pedretti, Al vòusi, Torino, Einaudi 2017, p. 19]

I partigiani

domenica 25 Aprile 2021


I partigiani

Non è per via della gloria, che siamo andati in montagna, a far la guerra. Di guerra eravam stanchi, di patria anche. Avevamo bisogno di dire: lasciateci le mani libere, i piedi, gli occhi, le orecchie; lasciateci dormire nel fienile, con una ragazza. Per questo abbiam sparato, ci siamo fatti impiccare, siamo andati al macello col cuore che piangeva, con le labbra tremanti. Ma anche così sapevamo che di fronte a un boia di fascista noi eravam persone, e loro marionette. E adesso che siam morti non rompeteci i coglioni con le cerimonie, pensate piuttosto ai vivi, che non debbano perdere anche loro la giovinezza.

[Nino Pedretti, Al vòusi e atre poesie in dialetto romagnolo, Torino, Einaudi 2007, pp. 17-18, la poesia si intitola I partigièn]

Ripellino

lunedì 14 Dicembre 2020

Sono uno zolfanello, ardo di botto,
in un prestissimo consumo il mio dappoco.
Che brillìo, che impostura, che giuoco,
ma quanta fatica, mio Signore, c’è sotto.

[Angelo Maria Ripellino, Notizie dal diluvio Sinfonietta Lo splendido violino verde, Torino, Einaudi 2007, p. 224]

Erano in due

lunedì 26 Ottobre 2020

Non attribuiamo i guai di Roma agli eccessi di popolazione. Quando i romani erano solo due, uno uccise l’altro.

Giulio Andreotti

[Epigrafe a Nicola Lagioia, La città dei vivi, Torino, Einaudi 2020]

Egoista

giovedì 10 Settembre 2020

Ma se decido di decidere che la mia vita ha un senso diverso, meno egoista, meno solitario, il motivo per questa decisione non sarà il mio desiderio di essere meno solo, e cioè di soffrire meno, nel complesso? Può la decisione di essere meno egoista essere mai altro che una decisione egoista?

[David Foster Wallace, Il Dostoevskij di Joseph Frank, in Considera l’aragosta, traduzione di Adelaide Cioni e Matteo Colombo, Torino, Einaudi 2014, p. 292]