Scuola elementare.

Non avere paura

martedì 26 marzo 2019

Marko Miladinovic, l’altro giorno, nella stazione di Lugano, mi ha regalato un suo manifesto (La dottorina della gentilezza, si intitola) dove c’è scritto, insieme a tante altre cose: `«Mangia poco (i più longevi sono d’accordo) – la fame è il miglior condimento. Sii disperato, prospera e non sperare mai. Non avere paura di non lavorare». E così via.

Invito

lunedì 25 marzo 2019

Bello
il cartello
a fianco dell’altare
“Si prega di pregare”.

[Marcello Marchesi, Il dottor Divago, Milano, Bompiani 2013, p. 71]

Tolstoj, Salvini e la passione per i metanodotti

domenica 24 marzo 2019

Per quattro mesi non ero risuscito a leggere un libro. Mi sono chiesto: “Che passione ho, io, per i metanodotti?” Mi sono risposto: “Nessuna”.

[Un’intervista a Nicola Mirenzi per Huffington Post: clic]

Tremiamo

domenica 24 marzo 2019

Ho bisogno di due piccole premesse.
La prima è molto semplice: secondo me non esiste, la maturità, non esiste. È una balla che ci raccontano quando siamo piccoli, non so perché, non so neanche chi siano, i poteri forti, forse, o gli stessi che hanno inventato Babbo Natale e il purgatorio, comunque non è vera.
La seconda è che, quando mi hanno chiesto di scrivere la prefazione di questo libro di poesie, io ho pensato che non sarei stato capace, e che questo libro meritava un prefatore migliore, e che ho paura di mettere insieme una piccola porcheria; poi mi è venuto in mente che io, da quando son diventato grande, tutte le cose che faccio, ho paura di non esser capace di farle, e mi son ricordato una poetessa che scrive «Non voglio imparare a non avere paura, voglio imparare a tremare»*.
Allora ho pensato “Va bene, tremiamo”.

*Chandra Livia Candiani, Il silenzio è cosa viva. L’arte della meditazione, Torino, Einaudi 2018, p. 75

[Tremiamo, introduzione a Chandra Livia Candiani, Vista dalla luna, Milano, Salani 2019]

Stamattina

sabato 23 marzo 2019

Stamattina sono uscito di casa, in bicicletta, alle 5 e 20. Lo consiglio a tutti.

Leningrado

sabato 23 marzo 2019

su dei filobus di Leningrado io ho cullato la mia solitudine con una tenerezza alla quale solo in Russia, ho avuto accesso, e gli incubi che ho fatto in Russia son stati più incubi che in qualsiasi altra parte del mondo in cui abbia dormito

[Stasera, a Lugano, al Turba, La grande Russia portatile]

Scrittura creativa

venerdì 22 marzo 2019

Qualcuno mi ha chiesto: «Bukowski, se insegnassi in un corso di scrittura creativa cosa chiederesti di fare?» Io gli ho risposto: «Li spedirei tutti all’ippodromo e li obbligherei a puntare 5 $ su ogni corsa».

[Charles Bukowski, Taccuino di un allegro ubriacone, traduzione di Simona Viciani, Parma, Guanda 2019, p. 9]

Nuovi verbi

giovedì 21 marzo 2019

Oggi, alla camera, una deputata ha usato il participio Disconfermato. Avete disconfermato il vostro programma. Credo voglia dire contraddetto. Bello, disconfermato. Dev’essere parente di Disiscritto, di cui si parla qui: clic

Dizionario dei soprannomi della città di Roma

giovedì 21 marzo 2019

Uno, non aveva un’orecchia, lo chiamavano Er tazzina.

[Dizionario dei soprannomi della città di Roma, un corso che diventa un libro, alla libreria caffè Tomo, in via degli Etruschi, 4, sabato 14 e domenica 14 aprile, dalle 10 alle 13 e dalle 14 e 30 alle 17 e 30, sabato 27 e domenica 28 aprile, dalle 10 alle 13 e dalle 14 e 30 alle 17 e 30, domenica 19 maggio dalle 10 alle 13. Per informazioni: 0688659458, comunicazione@libreriaassaggi.it; 0692935301, info@sempremai.it.]

Incalcolabili

mercoledì 20 marzo 2019

I danni dei film americani sull’immaginario dei delinquenti italiani sono incalcolabili.

[Alessandro Robecchi, I tempi nuovi, Palermo, Sellerio 2019, p. 140]