Un pensionato a Pietroburgo

mercoledì 24 Agosto 2022

Una aveva tradotto “mudàk” (stronzo) come “idealista, romantico”.

Sergej Dovlatov

Fotografia di @claudiosforza_photography

Una delle espressioni più usate

giovedì 31 Marzo 2022

Sergej Dovlatov ha scritto: «Purtroppo non ci sono dati statistici certi su quali siano, in russo, le parole più o meno usate. Cioè tutti sanno, chiaramente, che la parola “merluzzo”, per esempio, è significativamente più usata della parola, per dire, “sterletto”, e la parola “vodka”, diciamo, è più usuale di parole come “nettare” o “ambrosia”. Ma di dati certi, ripeto, a questo proposito, non ne esistono. E è un peccato.
Se dati di questo genere esistessero, ci accorgeremmo che, per esempio, l’espressione “è un lavoro fatto coi piedi” è una delle espressioni più usate, in Unione Sovietica».

[Domani, sul Venerdì di Repubblica, la mia Russia Sovietica, credo]

23 febbraio – Instagram

martedì 23 Febbraio 2021

Martedì 23 febbraio,
alle 19,
sul mio profilo Instagram,
parlo di Sergej Dovlatov

Un minuto dopo

lunedì 22 Febbraio 2021

Raccoglieremo il silenzio, lo conserveremo e lo venderemo. In cassette. Per esempio, silenzio numero uno: «Aurora montana». Oppure silenzio numero cinque: «Languore d’amore». Numero nove: «Un minuto dopo la catastrofe aerea».

[Sergej Dovlatov, Straniera, trad. di Laura Salmon, Sellerio, Palermo 2016 (5), p 125]

Dovlatov

venerdì 19 Febbraio 2021

Il livello della mia fama letteraria è tale che, quando mi riconoscono, mi stupisco. E quando non mi riconoscono, mi stupisco anche allora. E, a guardarmi in faccia, sono sempre stupito.

[Martedì 23 febbraio, alle 19, sul mio profilo Instagram, parlo di Sergej Dovlatov]

Forse

martedì 5 Gennaio 2021

Uno, a cui un medico ebreo aveva guarito la moglie, diceva che in fondo erano gente istruita questi ebrei e che forse avevano fatto male a perseguitarli per secoli.

[Sergej Dovlatov, Dal Repertorio dei matti della letteratura russa, esce l’11 febbraio]

Senza Natale

mercoledì 2 Dicembre 2020

Sergej Dovlatov diceva che gli scrittori, in Russia, sono così autorevoli perché la chiesa, in Russia, essendo sottomessa allo Stato ha poca autorità. Ne parlo martedì 8 dicembre, alle 19, sul mio profilo instagram, in previsione del Natale.

Mudàk

sabato 6 Giugno 2020

Una aveva tradotto “mudàk” (stronzo) come “idealista, romantico”.

[Sergej Dovlatov, dal Repertorio dei matti della letteratura russa, in preparazione]

Granché

giovedì 2 Aprile 2020

Uno pensava che un intellettuale russo senza essere stato in galera non valesse granché.

[Sergej Dovlatov, dal Repertorio dei matti della letteratura russa, in preparazione]

Tutti quanti

venerdì 20 Marzo 2020

Una era stata sorpresa dalla pioggia senza ombrello. In mezzo alla folla un ubriaco, pure a capo scoperto, le era venuto incontro domandandole cosa facessero tutti quanti sotto l’ombrello come dei selvaggi.

[Sergej Dovlatov dal Repertorio dei matti della letteratura russa, in preparazione]