Scuola elementare.

Domani, e una mostra

domenica 23 Giugno 2024

Mi sono accorto che ho lasciato a casa della Battaglia gli strumenti per fare le dirette, quindi la diretta su avanguardie e censure è rimandata a domani, alle 19 e 30. Intanto mi è piaciuta molto la mostra sulle avanguardie che ho visto ieri a Ca’ Foscari, gratis fino a settembre: clic

Belli

venerdì 21 Giugno 2024

Dicono che i versi debbano essere comprensibili, non devono essere comprensibili, devono essere belli.

Velimir Chlebnikov

[Domenica 23 giugno sul mio profilo Instagram, alle 20, discorso sulle avanguardie e sulla censura]

I libri

giovedì 20 Giugno 2024

A me, i libri, più di quello che dicono, mi interessa come mi fanno sentire, e sabato sera, 22 giugno, a Venezia, a Ca’ Foscari, alle 22 e 30, racconto come mi ha fatto sentire lavorare sui testi delle avanguardie russe e, in particolare, di Velimir Chlebnikov.

Conferme

mercoledì 19 Giugno 2024

Da noi si uccide per la poesia – a conferma dell’eccezionale considerazione in cui è tenuta.

[Nadežda Mandel’štam, Speranza abbandonata, traduzione di Valentina Parisi e Marta Zucchelli, Milano, Settecolori 2024, p. 17]

Vacanze

martedì 18 Giugno 2024

Stanno per cominciare la vacanze, che è una parola che, per me, ha a che fare con la scuola, nel senso che io insegno, in due università, a Milano e a Rimini, e quando ho finito le lezioni, quando ho finito di correggere le tesi e di controllare le proposte editoriali che i miei studenti hanno fatto alle case editrici alla fine dei loro corsi, non ho più impegni di lavoro fissi e, finalmente, posso mettermi a lavorare sul serio.

[Domani, sul Fatto quotidiano, dovrebbe uscire un pezzo sulle vacanze (Immagine di Luigi Ghirri)]

Il dottor Francesco

lunedì 17 Giugno 2024

Il dottor Francesco era un dentista, ma sapeva curare tutti i mali. Solo, non era molto diplomatico. Un’amica di mia mamma non è mai andata oltre la prima visita, perché appena ha fatto «Aaaaa» per farsi controllare i denti, il dottor Francesco ha sentenziato:
«Signora, lei si lava più il culo che la bocca».
L’amica di mia mamma, son passati cinquant’anni, è ancora offesa.

[Viene dalla Scuola Karenin, esce domani, lo presentiamo giovedì in Salaborsa a Bologna]

Bene

domenica 16 Giugno 2024

«È una grande poetessa russa» gli ho detto «ho scritto un romanzo su di lei, sono un appassionato di letteratura russa».
E lui ha cambiato faccia e mi ha detto «Queste son cose che, in questo periodo, bisogna dirle un po’ a bassa voce».
«Bene» gli ho detto io «io non faccio altro che dirle ad alta voce».

[Ieri a Ragusa A cosa servono i russi, questo mese lo facciamo ancora a San Mauro Pascoli, Ancona e il mese prossimo a Forlì, foto di Anna Voltaggio]

Eh?

sabato 15 Giugno 2024

Tutte le volte, tutte le volte, tutte le volte che devo partire penso Ma non è meglio se sto a casa?

Quando vado in un posto

venerdì 14 Giugno 2024

«Quando vado in un posto e mi riconoscono», diceva Dovlatov, «mi stupisco. Quando vado in un posto e non mi riconoscono», diceva, «mi stupisco. Son sempre stupito», diceva.

[Domani, 15 giugno, a Ragusa, in piazza Poste, alle 21, A cosa servono i russi]

Ultimissima

giovedì 13 Giugno 2024

«Non mi è mai piaciuto vedere i miei versi stampati. Mi è sempre sembrata una cosa sconveniente, come se avessi dimenticato sul tavolo una calza o un reggiseno».

[Giovedì 13 giugno, alle 18 e 30, a Parma, Giardino di Luana, area esterna CEPDI, via Stirone, 4, parliamo di Vi avverto che vivo per l’ultima volta]