No

giovedì 20 20 Febbraio20

Negli ultimi venti minuti, ho chiesto un francobollo in tre tabaccherie, in tutte e tre dovevano arrivare. Ma io non mi arrendo.

Ecco

martedì 11 20 Febbraio20

C’era una scritta luminosa verde, lampeggiante, sopra la farmacia Stadio, in via Andrea Costa, stamattina, a Bologna, diceva “Fine calendario”.

I russi

lunedì 10 20 Febbraio20

L’altro giorno, sentivo una radio russa, parlavano del corona virus, dicevano che non c’è da preoccuparsi così tanto perché colpisce solo i vecchi e quelli che già non stanno tanto bene.

Perderle

mercoledì 22 20 Gennaio20

Ho comprato un paio di cuffie senza fili, buone, per andare a correre, e si riesce anche a telefonare, e si sente bene, senza i problemi che ci sono di solito con gli auricolari col filo; l’unica controindicazione, mi sembra, è che ho una gran paura di perderle, tutte le sere, Dove le ho messe? E dove ho messo il loro caricatore?

Di dipartimento

lunedì 20 20 Gennaio20

Sono a Milano, dovevo andare in casa editrice e al consiglio di dipartimento. Nessuna delle due cose era urgente. In casa editrice ho detto Tanto dovevo andare al consiglio di dipartimento. Al consiglio di dipartimento ho detto Tanto dovevo andare in casa editrice.

Una cosa che mi fa arrabbiare

venerdì 17 20 Gennaio20

Nella prosa, e anche nella poesia, una cosa che non mi piace per niente sono i punti esclamativi, ma ancora meno mi piacciono i puntini di sospensione, mi fanno proprio arrabbiare, chissà cosa m’han fatto.

In tempo

giovedì 16 20 Gennaio20

Anche quest’anno mi son ricordato che, siccome non ho la televisione, posso fare la disdetta del canone Rai (scade il 31 gennaio).

Dopo

mercoledì 15 20 Gennaio20

Dopo mi chiedevo, stamattina, se ci sarà mai un momento, nella mia vita, che non sarò in ritardo con le consegne, secondo me mai. Ma mai mai mai mai mai mai mai mai mai, eh?

Le cose

domenica 12 20 Gennaio20

Se uno si porta il computer a letto e si mette a scrivere, oppure si alza e si mette a scrivere alla scrivania, anche se scrive delle stesse cose, scrive poi delle cose tutte diverse, mi sembra. Comunque buongiorno.

Uno scarabocchio

giovedì 9 20 Gennaio20

Ieri non trovavo più il mio bancomat, ho pensato che forse l’avevo lasciato al supermercato, ho chiamato il supermercato gli ho chiesto se avevano trovato un bancomat, mi han detto di sì, un bancomat con dietro uno scarabocchio, ho detto «È il mio di sicuro, non è uno scarabocchio, è la mia firma».