Crea sito
Pubblici discorsi

24 giugno – Milano

Domenica 24 giugno,
a Milano,
al Paolo Pini,
in Via Ippocrate, 45,
alle 21 e 45
Memorie di un pazzo di Gogol’
(ingresso libero, necessaria prenotazione
02.66200646 olinda@olinda.org)

Pubblici discorsi

1 luglio – Milano

Domenica 1 luglio,
a Milano,
al Paolo Pini,
in Via Ippocrate, 45,
alle 21 e 45
Memorie di un giovane medico
di Michail Bulgakov
(ingresso libero, necessaria prenotazione
02.66200646 olinda@olinda.org)

Pubblici discorsi

5 luglio – Torino

Giovedì 5 luglio,
a Torino,
ai Magazzini Oz,
in via Giolitti 19/a,
Un matto è un capolavoro
inutile. Repertori dei matti delle città
di Bologna, Milano, Roma, Torino
e tutti gli altri (dentro un ciclo
del Circolo dei lettori che si chiama
Rivoluzione Basaglia).
.

Pubblici discorsi

8 luglio – Milano

Domenica 8 luglio,
a Milano,
al Paolo Pini,
in Via Ippocrate, 45,
alle 21 e 45
Mosca–Petuški
di Venedikt Erofeev
(ingresso libero, necessaria prenotazione
02.66200646 olinda@olinda.org)

Pubblici discorsi

15 luglio – Milano

Domenica 15 luglio,
a Milano,
al Paolo Pini,
in Via Ippocrate, 45,
alle 21 e 45
Noi e i governi 2.0
Iosif Stalin, Daniil Charms,
Iosif Brodskij, Bartolomeo Vanzetti e altri
(ingresso libero, necessaria prenotazione
02.66200646 olinda@olinda.org)

  • Vecchi discorsi

  • Vecchi seminari

    Scuola elementare

    Il regno desiderato da coloro che non si sottomettono

    giovedì 21 giugno 2018

    Non tutti sono artisti, eppure questa forma di resistenza è possibile a tutti e non dovrebbe stupirci: l’arte condensa e magnifica pratiche quotidiane universali. Lo stesso rifiuto di sottomettersi al conformismo circostante è all’origine della ricerca scientifica feconda ed è indispensabile allo sviluppo completo della persona umana. Il pieno controllo del comportamento, il tentativo di formare allo stesso modo gli esseri umani, la rigida sottomissione alle norme… tutti questi tentativi falliscono quando gli individui sono insostituibili, e capita infinite volte. Tuttavia, si tratta di una battaglia che non può concludersi con una vittoria, né del resto con una sconfitta definitiva: il regno desiderato da coloro che non si sottomettono non è di questo mondo. La tensione tra le due forze è dunque destinata a durare.

    [Tzvetan Todorov, L’arte nella tempesta, traduzione di Emanuele Lana, Milano, Garzanti 2017, pp. 234-235]

    Scuola elementare

    In libreria

    mercoledì 20 giugno 2018

    Se entrate in una libreria, e cercate dei quaderni, quelli che si chiamano Moleskine, con un paio di centinaia di pagine tutte bianche, vedrete che uno costa circa 19 euro. Se cercate un libro mio, l’ultimo, per esempio, che ho pubblicato, con un paio di centinaia di pagine tutte scritte, che ci ho messo più o meno un anno, a scriverlo, vedrete che costa 16 euro. Che è positivo, secondo me. Ho abbassato il valore della carta di 3 soli euro. Poteva andare peggio.

    [Da Che dispiacere, in preparazione]

    Scuola elementare

    Spero che Nicola capisca

    mercoledì 20 giugno 2018

    de matteis

    Sono personalmente io Lo Vecchio Vincenza fu Lo Vecchio Domenico e mi conoscete bene di discendenza e ascendenza, laterale e collaterale.
    Dichiaro che coi miei figli Nicola e Gaetano ereditammo un fabbricato che si trova per metà nel comune di Mugnano e per metà nel comune di Baiano. Il confine passa per dentro alla cucina e esce dal balcone della camera da pranzo. Così è successo che Nicola è nato a Mugnano mentre Gaetano è nato a Baiano. È stata la nostra rovina! La buonanima del padre Amleto mai più si è ripreso per le sfottiture dei paesani e ala fine ci venne un tocco di incazzatura con un poco di paralisi. Spero che mi ha perdonato di aver voluto spostare a forza la camera matrimoniale e che mi aspetta col sorriso.
    Voglio che la quota di notifica di Nicola sia a Mugnano e la quota di Gaetano sia a Baiano, secondo le nascite. La disponibile invece è mia volontà e desidero cederla a Gaetano per motivi di riconoscenza, di grande comprensione.
    Mi assiste tutti i giorni sia nel bisogno sia nel conforto di cui noi vecchi abbiamo bisogno. Spero che Nicola capisca e accetti la mia volontà senza pensare che l’ho fatto perché sono Baianese di nascita o per alleviare il senso di colpa che si sente Gaetano per la morte del padre.
    Chiarisco che Gaetano ritornò da Napoli per seri motivi: lo stipendio poco e il fitto della casa elevato! A Baiano ritornò il 3 settembre 1972 e prima di questa data, per rendere abitabile la casa fece molte spese per tutti gli impianti, pavimento, rivestimenti, solai, scoperture e copertura dei tetti, costruzione di due bagni, uno a Baiano e uno a Mugnano, fogne per scarico delle acque bianche e liquami senza badare in quale comune.
    Spero perciò che venga giustificata la mia riconoscenza e prego Nicola e Gaetano di andare sempre d’amore e d’accordo con le proprie mogli per godersi la proprietà.
    Spero in fine che anche il sindaco di Baiano e il sindaco di Mugnano si accordano per spostare il confine.

    [Salvatore De Matteis, Essendo capace di intendere e di volere, Palermo, Sellerio 1998 (7), pp. 108-109]

    Scuola elementare

    Dal 1988 al 2018

    martedì 19 giugno 2018

    Su dei filobus di Leningrado ho cullato la mia solitudine con una tenerezza alla quale solo in Russia, ho avuto accesso, e gli incubi che ho fatto in Russia son stati più incubi che in qualsiasi altra parte del mondo in cui io abbia dormito, e bere, in Russia, per me è stato più bere di quel che è stato bere in Italia, così come una biblioteca, in Russia, come la biblioteca Lenin di Mosca, o la Biblioteca Pubblica di Pietroburgo, son state più biblioteche, delle biblioteche italiane: quello è stato un posto, per me, che le cose erano le cose, dal 1988, quando ho cominciato a studiare russo, fino ad oggi, qui, nel 2018, che provo a raccontare come, e perché, la Russia si fa voler tanto bene.

    [Scheda per la lettura della Grande Russia portatile al Festivaletteratura di Mantova]

    Scuola elementare

    Di montaggio nelle fabbriche

    martedì 19 giugno 2018

    Alcuni anni dopo, nel 1925, in un discorso rivolto ad artisti, scienziati e scrittori, il teorico del comunismo Nikolaj Bucharin può dichiarare trionfante: «Costruiremo gli intellettuali come prodotti realizzati alla catena di montaggio nelle fabbriche».

    [Tzvetan Todorov, L’arte nella tempesta, traduzione di Emanuele Lana, Milano, Garzanti 2017, p. 68]

    Scuola elementare

    Magari mi sbaglio, ma

    martedì 19 giugno 2018

    Se abitassi in Francia sarei meno disordinato, secondo me.

    Scuola elementare

    Ristampano Genova

    lunedì 18 giugno 2018

    Una volta, in piazza Goffredo Villa, uno aveva appeso uno striscione con scritto “Lo scoutismo fa ogni anno più vittime del fumo.”

    [Nuova ristampa per il Repertorio dei matti della città di Genova]

    Scuola elementare

    Una cosa che non so

    lunedì 18 giugno 2018

    Stamattina sono andato in giro in bicicletta con la Battaglia, e lei, non è abituata a andare in bici, mi sembrava che andasse così piano, «È lunga come la quaresima», mi veniva in mente continuamente, anche se io, il digiuno della quaresima non l’ho mai fatto, cioè non ho idea, come sia lunga, la quaresima, e «I mussulmani, ho pensato, lo dicono anche loro, lungo come il Ramadam?».

    Scuola elementare

    Un’associazione

    lunedì 18 giugno 2018

    C’era uno che aveva fondato un’associazione di promozione sociale per l’aiuto alle vittime dell’ostracismo dei movimenti religiosi alternativi devianti.

    Scuola elementare

    Per esempio

    domenica 17 giugno 2018

    Le circostanze, per esempio, dovrebbe essere delle stanze rotonde. «Vai nella tua circostanza!», da dire a un figlio quando si comporta male.