Pubblici discorsi

1 giugno – Carpi

Sabato 1 giugno
a Carpi,
alla festa del racconto,
alle 9,
parlo dei
Racconti di Pietroburgo
con Petunia Ollister

Pubblici discorsi

2 giugno – Carpi

Domenica 2 giugno
a Carpi,
alla festa del racconto,
alle 12 e 30
parlo della
Grande Russia portatile
con Alessandro Beretta

Pubblici discorsi

8 giugno – Bologna

Sabato 8 giugno,
a Bologna,
in Salaborsa,
in piazza del Nettuno,
dalle 15 alle 18,
nella sala incontri del primo piano,
c’è la riunione di Qualcosa,
per lavorare al numero 7
(è aperta a tutti)

Pubblici discorsi

7 luglio – Milano

Domenica 7 luglio,
a milano,
al cimitero monumentale,
alle 18,
lettura integrale della
Morte di Ivan Il’ič,
di Lev Tolstoj
(dentro Da vicino nessuno è normale,
del Paolo Pini)

  • Vecchi discorsi

  • Vecchi seminari

    Scuola elementare

    Diritti dell’uomo

    domenica 26 Maggio 2019

    Confessiamo una buona volta a noi stessi che, da quando l’umanità ha introdotto i diritti dell’uomo, si fa una vita da cani.

    [Karl Kraus, Essere uomini è uno sbaglio, a cura di Paola Sorge, Torino, Einaudi 2012, p. 16]

    Scuola elementare

    Dai finestrini aperti

    sabato 25 Maggio 2019

    Uno aveva chiesto l’intervento di una pattuglia della polizia per togliere tutti gli Arbre Magic dalle macchine perché quando camminava per strada a lui l’odore che usciva dai finestrini aperti gli dava fastidio, aveva detto.

    [Dal Repertorio dei matti del Canton Ticino, in preparazione, questo matto è di Carlotta]

    Scuola elementare

    Il capobranco

    venerdì 24 Maggio 2019

    Uno era quello che pisciava nella lettiera del gatto per dimostrargli che era lui il capobranco.

    [Domani, a Vicenza, parliamo dei Repertori dei matti con il fondatore, Roberto Alajmo]

    Scuola elementare

    Amicizie importanti

    giovedì 23 Maggio 2019

    Iosif Brodskij, Per compiacere un'ombra, in Fuga da Bisanzio

    Uno scrittore che accenna ai propri trascorsi penali – o in generale alle proprie traversie – è paragonabile a un individuo normale che si fa bello alludendo ad amicizie importanti.

    [Iosif Brodskij, Per compiacere un’ombra, in Fuga da Bisanzio, traduzione di Gilberto Forti, Milano, Adelphi 2008 (8), p. 109]

    Scuola elementare

    Un corso

    giovedì 23 Maggio 2019

    Ho scritto un corso di letteratura russa dove non si insegna niente. Si intitola i russi sono matti e a un certo punto c’è scritto: «Turgenev, già, di natura, per conto suo, era timido, poi oltretutto, Puškin e Gogol’, a lui, lo trattavan malissimo. Si svegliava di notte gridava: “Mamma mia!”. Soprattutto da vecchio».

    Scuola elementare

    Barabba

    mercoledì 22 Maggio 2019

    O, ancora, la storia di don Barabba, che desidera diventare prete e quando chiede alla mamma il permesso di andare a dottrina riceva come risposta una sonora sberla. «Va coi tuoi fratelli e impara in fretta a bestemmiare come loro».

    Fabrizio Abbati, Barabba e altre storie di preti, esce oggi per Sempremai.

    Scuola elementare, Seminari

    Dizionario dei soprannomi della città di Reggio Emilia

    mercoledì 22 Maggio 2019

    Dizionario dei soprannomi della città di Reggio Emilia: clic

    Scuola elementare

    mercoledì 22 Maggio 2019

    Abbiamo trovato una testa di Puškin, ci siamo molto stupiti, all’inizio non l’avevamo riconosciuto.

    [Ol’ga e Aleksandr Florenskij, Dviženie v storonu knigi (Movimento verso il libro), Spb, Retro 2001-2002, pp. 222-223]

    Scuola elementare

    Quasi tutte le volte

    martedì 21 Maggio 2019

    Quasi tutte le volte che apro internet, e lo apro tutti i giorni, più volte al giorno, la prima cosa che mi vien da pensare è: Mi avete stancato.

    Scuola elementare

    Giorgio

    martedì 21 Maggio 2019

    Una cantava questa canzone: «Oh Giorgio vom Lago Maggiore, oh Giorgio ein Weekend mit dir in Ascona in Ascona am Lago Maggiore, mit Chianti Chianti Chianti Chianti Chianti, ein Weekend mit dir und Risotto Risotto Risotto Risotto Risotto Risotto Risotto, oh Giorgio ein Weekend mit dir in Ascona in Ascona am Lago Maggiore. Con ammmore, molto ammmore. Oh Giorgio, Giorgio…» e così via. Secondo posto a Eurovision 1958.

    [Dal Repertorio dei matti del Canton Ticino, in preparazione, questo matto è di Sara]