Venedikt Erofeev

mercoledì 14 20 Agosto19

Una tenerezza seria, senza smorfie, senza affettazione, senza lamenti, perfino senza troppo affetto.

[Venedikt Erofeev, Bespoleznoe iskopaemoe, Moskva, Vagrius 2001, p. 64]