Venedikt Erofeev

domenica 10 dicembre 2017

È irrimediabilmente passato, il tempo in cui io non esistevo.

[Venedikt Erofeev, Bespoleznoe iskopaemoe, Moskva, Vagrius 2001, p. 156]