Venedikt Erofeev

martedì 15 novembre 2016

Io ero bianco sporco come un barboncino bianco sporco. Adesso sono nero come una cagna nera.

[Venedikt Erofeev, Bespoleznoe iskopaemoe, Moskva, Vagrius 2001, p. 127]