Crea sito

Fare pochissimo

domenica 10 settembre 2017

C’era uno che conoscevo che diceva che voleva fondare una religione che la santità si conquistava facendo le cose che uno fa tutti i giorni.
La colazione, il lavoro, il pranzo, la cena.
Fumare.
Fumava, quello lì.
Andare allo stadio.
Fiondare.
Andare a letto.
Lavarsi.
Cioè ti lavavi i denti, in quella religione lì, e i tuoi discepoli «Ooooh, si è lavato i denti».
Ecco, io, quando cominciavo a pensar che ero bravo, mi veniva subito da preoccuparmi, perché mi conoscevo, e sapevo che la mia tendenza, la mia inerzia, se la lasciavo andare, mi avrebbe portato a pensare di essere il nuovo profeta di quella religione che i miei discepoli avrebbero dato chissà cosa per venire a casa mia, mettersi nell’ingresso, sbirciare attraverso la porta del bagno per vedere che mi lavavo i denti e dire: «Ooooh, si sta lavando i denti».
Invece, al contrario, quando le cose andavano male, che mi sembrava che nessuno volesse saperne, di me, ecco allora sì, che c’era da esser contenti.