Di buongrado

sabato 16 20 Novembre19

Invece non tutto va bene! Lo sapete voi e lo so io. Stalin non è più lo standard di riferimento. Perché qui oggi c’è un dittatore duro e brutale come lui, ma al contempo molto più accettabile, più popolare di quanto sia mai stato Stalin. Questo dittatore si chiama mercato.
In Russia negli ultimi anni abbiamo visto la sostituzione di uno stato stagnante, violento e repressivo ma sostanzialmente efficiente con la dittatura del mercato. La gente è morta di stenti, depressione, alcolismo e violenza, e non solo lo ha fatto in silenzio, lo ha fatto addirittura di buongrado. Hanno lodato chi li aveva sottomessi. Sappiamo tutti che negli anni Trenta i bolscevichi confessavano crimini che non avevano commesso. È andata un po’ allo stesso modo. Con la differenza che ai vecchi bolscevichi le confessioni venivano strappate con la tortura. I russi della generazione dei nostri genitori lo hanno fatto di loro spontanea volontà.

[Keith Gessen, Un paese terribile, traduzione di Katia Bagnoli, Torino, Einaudi 2019, p, 166]