Non esiste

venerdì 12 Febbraio 2010

stalin

Non esiste una persona cui siano piaciute di primo acchito le olive in salamoia. Però, dopo averle assaggiate una o due volte, ci si abitua al loro sapore amaro-salato e anche le olive cominciano a piacere.

[…]

Ai formaggi molli, prelibati, forti è necessario fare l’abitudine. Il gusto e l’abitudine a prodotti nuovi non si formano all’improvviso, ma con una lenta educazione.

[Da Kniga o vkusnoj i zdorovoj pišče (Libro sul cibo saporito e sano), ed. 1957, cit. in Gian Piero Piretto, Gli occhi di Stalin. La cultura visuale sovietica nell’era staliniana, cit., p. 124]