Ma forse no

martedì 25 Gennaio 2011

Quando viene qui la bambina di sei anni, guardiamo, col computer, delle trasmissioni televisive per i bambini. Della letteratura sovietica dicevano che, mentre la letteratura sovietica per adulti era un po’ una porcheria, perché lì potevano pubblicare solo quelli grati al regime, la letteratura sovietica per bambini (e anche la letteratura tradotta) dove potevano lavorare (a volte sotto falso nome) quelli ingrati al regime, era di una qualità molto più alta. Ecco io ho l’impressione che la stessa cosa valga per la televisione italiana contemporanea, forse, c’è il caso, non me ne intendo tanto, non lo so.