Erofeev

giovedì 20 Gennaio 2011

Sono così sconsolatamente felice, in mezzo a questi sofferenti bon vivants.

[Venedikt Erofeev, Bespoleznoe iskopaemoe, cit., p. 145]