Erofeev

venerdì 22 Ottobre 2010

Non dimenticare la cosa più importante, la commozione.

[Venedikt Erofeev, Bespoleznoe iskopaemoe, cit., p. 32]