23 aprile – In libreria

martedì 23 Aprile 2024

Martedì 23 aprile,
in libreria,
esce l’edizione
tascabile di
Pancetta
(per Feltrinelli)

Con la tua forza

venerdì 15 Dicembre 2023

Caro Paša, io lo sapevo,
Che subito la gloria
Ci avrebbe baciati, nella capitale.

Ma contro il destino, cosa vuoi fare.
Con la tua forza e la mia intelligenza,
Noi siamo fatti per dominare.

[In aprile esce la nuova edizione di Pancetta]

Quel genere lì

lunedì 7 Agosto 2023

Somigliava a una di quelle fattorie che incontri in campagna a metà pomeriggio, con i polli sotto gli alberi e il cane addormentato, e capisci subito che i maschi sono al lavoro nei campi e la donna ha appena finito di rigovernare la cucina e se ne è andata di sopra a sdraiarsi una mezz’oretta. Si è sfilata il vestito, le scarpe, e si è sdraiata sul letto, nella penombra, con gli occhi chiusi e una ciocca di capelli appiccicata alla fronte per via del sudore. Ascolta le mosche che ronzano nella stanza, poi sente il rumore di un motore che cresce sulla strada per svanire in lontananza, e torna ad ascoltare il ronzio delle mosche. Ecco, era quel genere di casa lì.

[Robert Penn Warren, Tutti gli uomini del re, traduzione di Michele Martino, Feltrinelli 66thand2nd 2014, p. 39 (l’altro giorno ho scritto che mi piace quando leggo un libro che mi piace, qualcuno mi ha chiesto quali sono, quei libri che mi piacciono, questo è uno di quelli)]

Chlebnikov

giovedì 6 Aprile 2023

Per me è molto più piacevole / Guardare le stelle / Che firmare una condanna a morte. / Per me è molto più piacevole / Ascoltare la voce dei fiori / Che sussurrano «È lui» / Chinando la testolina / Quando attraverso il giardino, / Che vedere gli scuri fucili della guardia / Uccidere quelli / Che vogliono uccidere me. / Ecco perché io non sarò mai, / E poi mai, / Un governante.

[Firmato il contratto con Feltrinelli per l’edizione tascabile di Pancetta, Noi la farem vendetta e Mi compro una Gilera]

Ottobre

giovedì 16 Marzo 2023

La loro punizione è essere quelli che sono.

[A ottobre esce, per Feltrinelli, l’edizione tascabile di Noi la farem vendetta]

Senza problemi

sabato 7 Gennaio 2023

Nella prefazione a un libro pubblicato da Feltrinelli nel 1999 e intitolato Racconti impensati di ragazzini, Gianni Celati ha scritto:
«L’anno scorso sono andato in una scuola, e il bibliotecario mi ha portato nella biblioteca che stava riordinando. Su un lungo tavolo c’erano delle montagnole di libri, romanzi di nuovi romanzieri, e il bibliotecario me li illustrava, prendendoli su uno ad uno: “Questo tratta del problema del disagio dei giovani. Questo tratta del problema della donna. Questo tratta del problema della devianza e della tossicodipendenza”. Ho chiesto: “Ma non ce n’è nessuno che non tratti nessun problema?”. Lui sembrava che non capisse, forse anche perché era stanco di spiegarmi. Ma sono sicuro che nella sua mente aveva questo pensiero: “Come, un romanzo sul nulla? Cosa mi viene a raccontare, questo tizio qui?”.

[Oggi, su Tuttolibri, la prefazione che ho scritto per la nuova edizione delle Avventure di Guizzardi di Gianni Celati, la fotografia è di Luigi Ghirri]

Ghiacciai

domenica 7 Agosto 2022

In tutti questi anni la gente che incontravo mi ha chiesto spesso a cosa stavo lavorando, e di solito io rispondevo che la cosa più importante era un libro su Dresda.
Lo dissi, una volta, a Harrison Starr, il produttore cinematografico, e lui aggrottò le sopracciglia e mi chiese: «È un libro contro la guerra?».
«Sì,» dissi «credo».
«Sa cosa rispondo quando uno mi dice che sta scrivendo un libro contro la guerra?»
«No. Cosa dice, Harrison Starr?»
«Dico: perché non scrive un libro contro i ghiacciai, allora?»

Kurt Vonnegut, Mattatoio N. 5,traduzione di Luigi Brioschi, Milano, Feltrinelli, p. 13

Massacri

domenica 7 Agosto 2022

Ho detto ai miei figli che non devono, in nessuna circostanza, partecipare a un massacro, e che le notizie di massacri compiuti tra i nemici non devono riempirli di soddisfazione o di gioia.
Ho anche detto loro di non lavorare per società che fabbricano congegni in grado di provocare massacri, e di esprimere il loro disprezzo per chi pensa che congegni del genere siano necessari.

Kurt Vonnegut, Mattatoio N. 5,traduzione di Luigi Brioschi, Milano, Feltrinelli, p. 27

Sotto la pioggia

venerdì 10 Giugno 2022

Qualche anno fa, dopo una lezione (polvere di gesso sospesa nell’aria autunnale, vecchio termosifone che gorgoglia nell’angolo, banda musicale che si esercita da qualche parte in lontananza, per esempio), mi sono reso conto che alcuni dei momenti migliori della mia vita, momenti nei quali ho davvero avuto la sensazione di offrire al mondo qualcosa di prezioso, li ho trascorsi tenendo queste lezioni sui russi.

[George Saunders, Un bagno nello stagno sotto la pioggia, trad. di Cristiana Mennella, Milano, Feltrinelli 2022, p. 13]

Tratti caratteristici

venerdì 27 Maggio 2022

Alla vigilia della Prima guerra mondiale, Mosca era la città più sorvegliata d’Europa (con un poliziotto ogni 287 abitanti circa rispetto ai 325 di Berlino, i 336 di Parigi e i 342 di Vienna). Il commissariato di polizia di Jakimanka, a cui faceva capo la Palude, registrava tutti i residenti stranieri, gli ebrei, gli studenti, i tassisti, gli operai e i disoccupati, tra gli altri, nonché “esercizi commerciali, alberghieri, industriali e artigianali”. Oltre alle registrazioni e ai rapporti di routine, i poliziotti erano tenuti ad annotare gli “umori” di particolari gruppi di individui (soprattutto) quelli che più probabilmente potevano avere “un effetto negativo sui compagni di lavoro”), a incoraggiare i residenti a esporre le bandiere nelle festività pubbliche e a “tenere sotto controllo” tutti “gli individui sottoposti a sorveglianza aperta o segreta della polizia”. Alla voce “tratti caratteristici” nei registri della polizia, alcune di queste persone erano descritte come “irascibili”, altre come “loquaci”, altre ancora – la maggioranza – come “contemplative”. Più intensamente la polizia operava, più irascibili, loquaci e contemplativi diventavano gli individui sottoposti a controllo.

[Yuri Slezkine, La casa del governo, trad. di Bruno Amato, Feltrinelli, Milano 2018, p. 36]