Avviso

martedì 4 Febbraio 2020

I tecnici che, da diversi anni, seguono amorevolmente questo blog, mi hanno consigliato di trasferire il dominio. Anche se non so cosa vuol dire, gli ho detto di sì. Mi hanno detto che potrebbe esserci qualche problema di accesso al sito, per qualche ora.

Rapidamente

venerdì 14 Novembre 2008

Sto lavorando a un’antologia di Chlebnikov e l’altro giorno a Firenze mi hanno chiesto di farne anche un’altra e è una cosa che non mi aspettavo.

E mi è venuta in mente una cosa che diceva lui, da qualche parte che adesso non mi ricordo, che era il modo in cui si doveva scrivere e leggere.

Si scriva rapidamente e si legga rapidamente, diceva Chlebnikov.

A lui piacevano molto anche i manoscritti, e le grafie, che rimandavan gli umori, e aveva partecipato a una mostra dove erano esposte le grafie degli scrittori a lui contemporanei, e anche la sua, che lui diceva che era la più bella.

E mi è venuto in mente che, senza grafie, ma la scrittura sul blog è un po’ così, si scrive rapidamente e si legge rapidamente, e rimanda un po’ a quegli umori, ai nervosi, alle allegrie, a quelle cose lì.

E quando finisci di scriver qualcosa, sia qui che nei commenti, ti vien sempre da pensare Ma avrò fatto bene?