Crea sito

Venedikt Erofeev

domenica 27 agosto 2017

Nabokov era impressionato, in Chodasevič, dall’«ottima qualità della sua malignità».

[Venedikt Erofeev, Bespoleznoe iskopaemoe, Moskva, Vagrius 2001, p. 137]