Venedikt Erofeev

giovedì 8 dicembre 2016

Mi sono avvicinato al tremolo. – Tremi? Tremi ancora? Be’, trema, trema.

[Venedikt Erofeev, Bespoleznoe iskopaemoe, Moskva, Vagrius 2001, p. 143]