Un tizio piuttosto giovane

giovedì 8 novembre 2018

Un tizio piuttosto giovane era seduto su uno degli sgabelli bianchi, e mentre parlavamo, si voltò per guardarla. Aveva delle spesse basette bluastre come quelle degli attori di Hollywood e indossava un vestito di tweed troppo pesante e troppo New England per un giorno di maggio in New Mexico. Aveva così tanti risvolti sulle tasche della giacca che sembrava quasi una persiana.

[Elliot Chaze, Il mio angelo ha le ali nere, traduzione di Nicola Manuppelli, Fidenza, Mattioli 1885 2015, p. 29]