Definitivamente

giovedì 19 ottobre 2017

caproni, tutte le poesie

1.

Vi sono casi in cui accettare la solitudine può significare attingere Dio. Ma v’è una stoica accettazione più nobile ancora: la solitudine senza Dio. Irrespirabile per i più. Dura e incolore come un quarzo. Nera e trasparente come l’ossidiana. L’allegria ch’essa può dare è incredibile. È l’adito – troncata netta ogni speranza – a tutte le libertà possibili. Compresa quella (la serpe che si morde la coda) di credere in Dio, pur sapendo – definitivamente – che Dio non c’è e non esiste.

[Giorgio Caproni, Tutte le poesie, Milano, Garzanti 2013 (8), p. 439]