Crea sito

Venedikt Erofeev

venerdì 20 ottobre 2017

Io il mondo non lo guardo, lo curioso.

[Venedikt Erofeev, Bespoleznoe iskopaemoe, Moskva, Vagrius 2001, p. 60]

Venedikt Erofeev

domenica 8 ottobre 2017

Scarpe italiane. Cravatta regimental. Camicia di forza. Corona di spine.

[Venedikt Erofeev, Bespoleznoe iskopaemoe, Moskva, Vagrius 2001, p. 83]

Venedikt Erofeev

giovedì 5 ottobre 2017

Il mio cuore non parla questa musica del no, ma neanche quella del sì, parla. Il mio cuore alza le spalle, quando lo ascolti.

[Venedikt Erofeev, Bespoleznoe iskopaemoe, Moskva, Vagrius 2001, p. 85]

Venedikt Erofeev

martedì 3 ottobre 2017

Non voglio essere utile, ho detto, voglio essere urgente.

[Venedikt Erofeev, Bespoleznoe iskopaemoe, Moskva, Vagrius 2001, p. 145]

Venedikt Erofeev

lunedì 4 settembre 2017

Lei mi ha respinto allo stesso modo in cui Georges Marchais ha respinto il concetto di dittatura del proletariato.

[Venedikt Erofeev, Bespoleznoe iskopaemoe, Moskva, Vagrius 2001, p. 168]

Venedikt Erofeev

sabato 2 settembre 2017

Non è ancora nato, l’uomo che ha avuto voglia di mordermi.

[Venedikt Erofeev, Bespoleznoe iskopaemoe, Moskva, Vagrius 2001, p. 162]

Venedikt Erofeev

giovedì 31 agosto 2017

Fare un tipo di vita stellare, vale a dire brillare, più o meno, delle volte cadere, eccetera.

Non attribuire, a questa cosa, nessun significato rassicurante.

[Venedikt Erofeev, Bespoleznoe iskopaemoe, Moskva, Vagrius 2001, p. 141]

Venedikt Erofeev

domenica 27 agosto 2017

Nabokov era impressionato, in Chodasevič, dall’«ottima qualità della sua malignità».

[Venedikt Erofeev, Bespoleznoe iskopaemoe, Moskva, Vagrius 2001, p. 137]

Venedikt Erofeev

venerdì 25 agosto 2017

Che discorsi, anche a me piace la Russia. Occupa un sesto della mia anima.

Io, per esempio, credo che, se si guarda nel modo giusto alla Francia, si vede che la Francia è dalla parte destra, la Germania, invece, dalla parte sinistra.

[Venedikt Erofeev, Bespoleznoe iskopaemoe, Moskva, Vagrius 2001, p. 145]

Venedikt Erofeev

giovedì 24 agosto 2017

Quei classici (ancora loro) si dedicavano solo all’omosessualità, e, se gli piacevano le donne, gli piacevano solo senza braccia (la Nike di Samotracia) e senza testa (Venere), cioè in un modo molto strano.

[Venedikt Erofeev, Bespoleznoe iskopaemoe, Moskva, Vagrius 2001, p. 77]