Crea sito

Gente che crede che sia sufficiente

giovedì 22 giugno 2017

Stanno per ripartire i corsi della scuola elementare di scrittura emiliana e della scuola media inferiore di scrittura emiliana, e ho cercato in rete il programma, che è su questo sito, e adesso lo rimetto, quando lo trovo, non l’ho ancora trovato, ho trovato invece una recensione a Scuola elementare di scrittura emiliana per non frequentanti, un libro uscito nel 2014 per Corraini, con le illustrazioni di Yocci, che mi è piaciuta molto, la recensione, dice così:
«Libro inutile e pessimo. L’ho ricevuto per errore e ho provato a leggerlo (senza riuscire ad andare molto avanti). Di notevole ho notato solo la pretenziosità dell’autore (andatevi a vedere la sua pagina su Wikipedia, è più lunga di quella di Alessandro Manzoni). Gente che crede che sia sufficiente pubblicare libri per essere scrittori. Evitatelo». Il signor Giacomo Bellini, l’ha scritta. Grazie, mi ha fatto star bene.

9 settembre – Mantova

venerdì 9 settembre 2016

Venerdì 9 settembre,
a Mantova,
in Galleria Corraini,
via Ippolito Nievo 7,
Merenda e firmacopie con Yocci (I racconti del Re della Torta di Carote)
e Paolo Nori (scuola elementare di scrittura emiliana per non frequentanti)

Una soluzione

martedì 2 dicembre 2014

scuola elementare di scrittura emiliana per non frequentanti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ho ricevuto ieri una soluzione che mi piace all’uguaglianza pubblicata alla fine della Scuola elementare di scrittura emiliana per non frequentanti:
Adès i cièva tótt : adesso c’è libertà di coito = me l’è trent’an ch’a chégh cumè un arlózz : x

e x, nella soluziuone di Laura (grazie), è questa:
sono trent’anni che regolano Greenwich sulla mia peristalsi

La lingua batte

lunedì 10 novembre 2014

scuola elementare 3

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La lingua batte di domenica 9 novembre, l’inizio, dove si parla di Scuola elementare di scrittura emiliana per non frequentanti: Clic

9 novembre – radio 3

domenica 9 novembre 2014

Domenica 9 novembre,
su radio 3,
alle 10 e 45,
all’inizio di La lingua batte,
parliamo,
con Giuseppe Antonelli,
di Scuola elementare di scrittura emiliana
per non frequentanti
(con esercizi svolti)

Intervista

mercoledì 17 settembre 2014

scuola elementare di scrittura emiliana per non frequentanti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Volevo sapere che cosa ha rappresentato l’esperienza dei corsi per lei e come si è evoluta nel tempo. Ci sono allievi che hanno pubblicato? Che cosa cercano i partecipanti alle lezioni? Ci sono i loro esercizi nel libro…

I primi anni ero preoccupato e mi preparavo forse meglio, alle lezioni, adesso sto peggiorando, mi sembra. Ci sono allievi che hanno pubblicato e credo avrebbero pubblicato anche se non avessero fatto la scuola; una volta mi è venuto da dire che ero contento che la scuola non li aveva dissuasi dal pubblicare. Cosa cerchino non lo so, e mi vien da pensare che non gliel’ho neanche mai chiesto. Nel libro ci sono esercizi di trenta ex allievi.

Che cosa si intende per scrittura emiliana? Ci sono dei maestri di scrittura emiliana? (mi viene in mente Celati…). Perché questo libro?

Uno dei motivi per cui sono contento che sia uscito il libro è che ci sono i disegni di Yocci, che se non ci fosse stato il libro non ci sarebbero stati, e sarebbe un peccato. Non penso che si debba scrivere in emiliano (ci son state scuole di scrittura emiliana all’estero, a Milano, a Torino, a Genova, a Lugano, perfino), penso che si possa scrivere non soltanto con una lingua alta, colta, letteraria, nazionale, esemplare, ma anche con una lingua bassa, concreta, grossolana, la lingua degli autobus, delle sale d’aspetto, dei marciapiedi delle stazioni, perché quella, mi sembra, è la lingua dei romanzi, i cui personaggi non son sempre dei dottorandi in letterature comparate, e anche quando son dottorandi in letterature comparate non parlano sempre ostendando la propria condizione di dottorandi in letterature comparate, usano anche loro una lingua regionale, goffa, sgraziata, che, a guardarla bene, delle volte, è bellissima.

Che cosa si può insegnare rispetto alla scrittura e che cosa invece è talento? E come lo si riconosce? Cosa pensa del fatto che in moltissimi vogliono scrivere, in un paese dove si legge sempre meno?

Da quando ho cominciato a scrivere io leggo molto di più, e credo succeda così un po’ a tutti, e il fatto che in molti vogliano scrivere per me è una cosa positiva. Non so se si può insegnare a scrivere e non so niente del talento, so che noi ci mettiamo lì, alla modo infoshop, al lunedì sera, alle nove di sera, e arriviamo spesso che siamo stanchi, dopo un giorno di lavoro, e andiamo via, tre ore dopo, che non siamo più stanchi, ed è una cosa stupefacente.

 

[Su Repubblica Bologna dovrebbe essere uscita una riduzione di una intervista di Emanuela Giampaoli che ho copiato qua sopra nella sua forma integrale]

17 settembre – Bologna

mercoledì 17 settembre 2014

Mercoledì 17 settembre,
a Bologna,
alla liberia Modo infoshop,
in via Mascarella 24/B
alle ore 21,
Scuola elementare di scrittura emiliana
per non frequentanti
(con esercizi pratici: clic)

Compiti per le vacanze

mercoledì 17 settembre 2014

scuola elementare di scrittura emiliana per non frequentanti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

E per finire, vorrei proporre un compito minuscolo a tutti i lettori di questo libretto; si tratta di una traduzione dal dialetto di Santarcangelo di Romagna che credo possano fare anche quelli che, come me, il dialetto di Santarcangelo di Romagna non lo sanno. È la traduzione dell’inizio di una poesia di Nino Pedretti. È un poeta che mi piace moltissimo, Pedretti, ma che leggo in pubblico raramente proprio per via delle traduzioni, perché la traduzione delle sue poesie, raccolte in un volume dell’Einaudi che si intitola Al vòusi, è fatta in un modo che io non lo so. Una di queste poesie si intitola L’orgasmo e è stata scritta credo negli anni settanta, e l’io narrante, la voce che parla nella poesia, è una donna di settant’anni che si lamenta che quando era giovane lei di queste cose qui, dell’orgasmo, della liberazione sessuale, non ne parlava nessuno, e la poesia inizia con un verso che fa così: Adès i cieva tótt , che si potrebbe tradurre Adesso chiavano tutti, o Adesso scopano tutti, o Adesso guzzano tutti, o Adesso fiondano tutti eccetera eccetera. Be’, quella poesia lì, nell’edizione Einaudi delle poesie di Pedretti, è tradotta così: Adesso tutti fanno sesso. Che, a parte il fatto che è un’altra cosa, che far sesso e fiondare, cioè fiondare è proprio una pratica precisa, con delle regole precise, ma lasciamo perdere, a parte quello, l’espressione Fare sesso, detta all’inizio degli anni settanta da una signora settantenne che quindi era nata all’inizio del secolo scorso, non lo so, magari mi sbaglio, ma a me sembra che una signora così a fare sesso non ci hai mai neanche pensato. Stasera forse facciamo sesso è una frase che dentro le teste, in Italia, nel 1970, non la pensava nessuno, figuriamoci le signore di settant’anni. Pedretti era amico di Raffaello Baldini, altro grande poeta, erano tutti e due di Santarcangelo, e Baldini raccontava che Pedretti di solito non parlava in dialetto, ma in italiano, in casa parlava italiano, e il dialetto era una lingua che aveva imparato per strada, e i suoi primi versi in dialetto non li pubblicava neanche, anzi uno l’aveva regalato a Baldini. «Ricordo, – scrive Baldini, – che a un certo momento Nino cominciò a dirci, a dire a me a Lina, mia moglie, due versi in dialetto, due endecasillabi, campati in aria, fuori da ogni contesto, due versi che aveva acchiappato al volo, che gli erano fioriti dentro gratuitamente. Ce li diceva e ce li ripeteva, con autoironia, divertendosi e divertendoci. Il primo di questi versi era: «Mè, s’i m déss da capè, abdrébb a lèt» («Io, se mi dessero da scegliere, andrei a letto»), il secondo era: «Me l’è trent’ann ch’a chégh cumé un arlòzz» («Io sono trent’anni che cago come un orologio»). Dopo un po’, – scrive Baldini, – un giorno chiesi a Nino: «Questo verso, «Me l’è trent’ann ch’a chégh cumé un arlòzz», non me lo regaleresti?». E lui rispose: «Sì, sì, prendilo pure». Continua a leggere »

Un angolo

martedì 9 settembre 2014

scuola elementare di scrittura emiliana per non frequentanti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

C’è della gente che ha in mente di scrivere per degli anni, o per dei decenni e che, per degli anni o per dei decenni, ha in qualche angolo della testa l’idea che prima o poi scriverà un romanzo, ed è un’idea che li fa star bene, e c’è questa gente che quando viene il momento di mettersi lì davvero a scrivere quel romanzo che sono degli anni o dei decenni che pensa di scrivere, pur di non scriverlo, quella gente lì si inventano tutte le cose possibili e immaginabili per frustrare quella spinta lì a scrivere, non so perché, forse perché poi dopo, quando l’hai scritto, un romanzo, non ti puoi più rifugiare in quell’angolo lì della testa dove ti dici che prima o poi scriverai un romanzo che si sta così bene, a dirsi così.
Solo che se l’hai già scritto, il romanzo, non puoi dirti che lo scriverai, l’hai già scritto, devi trovare un altro angolo in cui rifugiarti che si fa fatica, a trovarli, quegli angoli lì.
Allora forse se tu fallissi, se tu rinunciassi, sarebbe forse anche meglio, che poi tanto, alla fine, anche se ci riuscissi comunque sarebbe inutile, che tanto comunque il mondo è corrotto, che gli altri, loro, tu sei da solo, e loro son tutti, ti vien da pensare continuamente anche se qualche anno fa, per esempio, hai letto un libro di René Girard che si intitola Menzogna romantica e verità romanzesca che dice che i romanzi servono a quello, per smascherare la menzogna romantica che dice che tu sei da solo e loro sono tutti, che invece non è vero, e la cosa vera sarebbe che tu sei da solo e loro son da soli anche loro, è la verità romanzesca secondo Girard, se hai capito quel libro lì di Girard.
Eppure, pur avendo letto quel libro lì di Girard e pur avendo l’impressione di averlo anche capito, io, per esempio, nel corso della scrittura di questo libretto, un lunedì mattina mi son seduto al tavolo, stavo per cominciare a scrivere, ho sentito una voce, dentro la testa, che mi diceva «Ma cosa vuoi scrivere? Ma chi ti credi di essere, a voler scrivere? Ma non ti rendi conto che sei solo una merda e che non hai nessuna speranza di essere altro?». E mi sono fermato, nella scrittura, ho fatto due conti, ho pensato che eran diciassette anni, che sentivo quella voce lì.

[Scuola elementare di scrittura emiliana per non frequentanti, pagine 156-157]

A tutti

domenica 7 settembre 2014

scuola elementare di scrittura emiliana per non frequentanti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

la cosa da fare, secondo me, è prenderli, questi due pezzi, e leggerli ad alta voce, con una voce normale, calma, senza correre e senza interpretare, leggerli, come son scritti, così come questo pezzo del filosofo danese Søren Kierkegaard che è l’inizio della sua «conferenza estatica» intitolata Enten-Ellen (più conosciuta come Aut-Aut) e fa così:

Sposati, te ne pentirai; non sposarti, te ne pentirai anche; sposati o non sposarti, ti pentirai d’entrambe le cose; o che ti sposi, o che non ti sposi, ti penti d’entrambe le cose. Ridi delle follie del mondo, te ne pentirai; piangi su di esse, te ne pentirai anche; ridi delle follie del mondo o piangi su di esse, ti pentirai d’entrambe le cose; o che tu rida delle follie del mondo o che pianga su di esse, ti penti d’entrambe le cose. Credi a una fanciulla, te ne pentirai; non crederle, te ne pentirai anche; credi a una fanciulla o non crederle, ti pentirai d’entrambe le cose; o che tu creda a una fanciulla o che non le creda, ti pentirai d’entrambe le cose. Impiccati, te ne pentirai; non impiccarti, te ne pentirai anche; impiccati o non impiccarti, ti pentirai d’entrambe le cose; o che t’impicchi o che non t’impicchi, ti pentirai d’entrambe le cose…

Ecco questo pezzetto, a leggerlo ad alta voce, secondo me, uno capisce perché Søren Kierkegaard, che era, come si sa, un filosofo, invitava i suoi lettori a leggere le sue cose ad alta voce, perché la letteratura, in un certo senso e anche la filosofia, perlomeno quella di Kierkegaard, letta ad alta voce si spiega da sola, si spiega molto meglio di come sarei in grado di spiegarla io, mi sembra, e credo che sembri così a tutti, e questo pezzo di Kierkegaard, che letto mentalmente può fare un effetto che uno poi se lo ricorda o non se lo ricorda, a seconda dello stato della sua mente intanto che lo legge, letto ad alta voce garantito al limone, che se lo ricorda, questo pezzetto di Kirkegaard, mi sembra, e credo che sembri così a tutti.

 

[Scuola elementare di scrittura emiliana per non frequentanti, pagine 41-42]