I microfoni

domenica 7 luglio 2013

Ecco. Questo era l’argomento che mi avete chiesto di trattare e grazie di avermelo chiesto e l’ho fatto molti volentieri potrei anche fermarmi qui solo che invece faccio come quelli che quando prendono il microfono non lo mollano più e approfitto della vostra pazienza per dirvi una cosa che riguarda voi, nel senso di questa associazione che ruota intorno a Pippo Civati e che non saprei identificare bene neanche con un nome e che forse non è neanche un’associazione è un gruppo di persone che io identifico con Pippo, con una mia amica che si chiama Carlotta Zarattini, e con un’altra mia amica che si chiama Elly Schlein e che fa parte di questo movimento che credo si chiami Occupy Pd.

Ecco, io, devo dire, Pippo, per esempio, quando interviene in pubblico, se c’è qualcosa che non funziona, non so, non si accende un microfono, o non parte un computer, lui dice «E be’, cosa volete, siamo pur sempre del Partito Democratico, non può funzionare tutto».

Ecco, voi siete pur sempre del partito democratico, e questa è la cosa che non capisco, e mi viene da chiedervi Ma perché?

E mi vien da pensare, scusate la banalità del mio intervento, ma io, politicamente, sono, probabilmente, un po’ ingenuo, un po’ greve, poco raffinato, ma mi vien da pensare che il Partito Democratico, o quello che c’era prima, se io penso a una cosa vergognosa, che esiste in Italia, sono i Centri di Identificazione e Espulsione,  e quella cosa lì, col nome di Centri di Permanenza Temporanea, è stata istituita con la legge Turco Napolitano, che è una legge che hanno firmato Livia Turco e Giorgio Napolitano.

Cosa avete a che fare, voi, con quella roba li?

E, lo dico per inciso, adesso è partita la raccolta delle firme per l’abolizione, dei Centri di Identificazione e Espulsione, volevo approfittare di questa occasione per dire che io, non che la cosa sia importante, ma io, quel referendum  lì, lo vado a firmare; credo che sia un referendum radicale, e che non sia appoggiato dal Partito Democratico, e mi viene da chiedervi, ancora, cosa ci fate, voi, nel partito democratico?

Perché non fate una cosa vostra, per conto vostro, che è una cosa più difficile, credo, ma forse, non so come dire, più sensata, che dopo magari funzionano anche i microfoni.

[un pezzetto del discorso di oggi a Reggio Emilia alla manifestazione Viva la libertà]

7 luglio – Reggio Emilia

domenica 7 luglio 2013

Domenica 7 luglio,
a Reggio Emilia,
Chiostro della Ghiara,
in Via Guasco 6,
alle 11 e 30,
faccio un discorso
sui morti di Reggio Emilia.

Gli incontri di Reggio Emilia

sabato 6 luglio 2013

Gli incontri della manifestazione che si chiama W la libertà, a Reggio Emilia (tra i quali, domattina alle 11 e 30, anche un breve discorso che faccio io), credo si possano vedere in streaming qui: clic.

24 gennaio – Reggio Emilia

giovedì 24 gennaio 2013

Giovedì 24 gennaio,
a Reggio Emilia,
al Teatro Cavallerizza,
in via Allegri,
dentro un dibattito che si chiama
Educare ai diritti (Clic),
che comincia alle 9 e finisce alle 13,
con simone Franzoni, Iuna Sassi,
Carla Rinaldi, Giorgio Zanetti,
Lella Costa e Alessandro Bergonzoni,
io leggo (credo) un paio di favole.

Il mondo succede a Reggio Emilia

domenica 13 gennaio 2013

Dunque io, questa cosa di giudicare, Giudizio universale, come si chiama questa cosa che stiamo facendo, io ho pensato che venirci ci venivo, però venivo a dire che io, non so, mi son ricordato quando avevo letto Il grande Gatsby, di Fitzgerald, la prima pagina, quando l’io narrante diceva che a lui, suo padre, gli aveva insegnato una cosa sola, piccola, di non giudicare, e io mi ricordo che avevo pensato “Ma che fortuna”.
Che era veramente uno fortunato, uno così, secondo me. Continua a leggere »

21 dicembre – Reggio Emilia

venerdì 21 dicembre 2012

Venerdì, 21 dicembre,
a Reggio Emilia,
all’Hotel Posta,
in piazza del monte,
dalle 18 alle 21 circa
c’è una cosa che si chiama
Narratori amplificati / Giudizio universale
io dovrei leggere (per 3-4 minuti)
alle 19 e 27,
dopo Marco Truzzi
e prima di Giorgio Albertazzi

30 settembre – Reggio Emilia

domenica 30 settembre 2012

Domenica 30 settembre,
a Reggio Emilia,
al teatro Valli,
in piazza dei Martiri,
sala degli specchi,
alle ore 11,
8 favole belle e una brutta,
con Paolo Nori (voce)
Mirco Ghirardini (clarinetti)

22 luglio – Reggio Emilia

venerdì 22 luglio 2011

Venerdì 22 luglio,
a Reggio Emilia,
in via Secchi,
nella libreria anarchica,
alle ore 21,
si parla di anarchia
insieme a Mario Vighi.

27 marzo – Reggio Emilia

domenica 27 marzo 2011

Domenica, 27 marzo
a Reggio Emilia,
nella sala degli specchi del teatro Valli,
alle 11,
Ultimissimissimissimissimo
Pignagnoli ballabile,
con Daniele Benati,
Ugo Cornia,
Paolo Nori,
Marco Raffaini
e il concerto a fiato
L’usignolo,
diretto dal Maestro
Mirco Ghirardini.
Introduce e coordina:
Stefano Bertini

A Parma e a Reggio Emilia

lunedì 14 marzo 2011

Oggi son stato a Parma e sulla tangenziale ho visto un cartellone pubblicitario che c’era un’immagine religiosa, tipo un santino, con quei colori lì forti che hanno i santini, ma grande come un cartellone pubblicitario e sotto c’era scritto: Gesù, confido in te. Dopo su viale Mentana c’era un cartellone pubblicitario con una foto di Renzo Arbore e sotto c’era scritto che Renzo Arbore e l’orchestra italiana sarebbero stati al Teatro valli, di Reggio Emilia. E io ho pensato che in questi ultimi anni a Reggio Emilia a me sembrava facessero delle cose più interessanti che a Parma, si vede son tornati indietro, ho pensato. Dopo dieci metri, a barriera Repubblica, sulla fontana, c’era un grande striscione pubblicitario che diceva che al teatro Regio di Parma, ci sarebbe stato Notre Dame de Paris, il musical.