Crea sito

18 febbraio – Reggio Emilia

venerdì 16 settembre 2016

Sabato 18 febbraio,
a Reggio Emilia,
alla libreria Il Novello,
in via via Panciroli 8/B,
alle 18 e 30,
Vite sbobinate e altre vite,
con Alfredo Gianolio.

19 dicembre – Reggio Emilia

sabato 19 dicembre 2015

Sabato 19 dicembre,
a Reggio Emilia,
a FONDERIA 39
in via della Costituzione 39
dentro Questa è l’acqua,
festival sonoro della letteratura
alle 17,
Intervista a Dio onnipotente, di Giorgio Manganelli
legge e ne parla Ermanno Cavazzoni,
alle 18.30
Rat-Man Live!
legge Leo Ortolani
alle 21.15
L’autobus di Stalin ferma a Reggio Emilia
Antonio Pennacchi L’autobus di Stalin

Collocazioni

martedì 13 ottobre 2015

imgres

Mi han raccontato che, negli anni settanta, c’era un libraio di Reggio Emilia che questo libro qua, il castoro di Sciascia, l’aveva messo nella sezione Sport invernali.

13 ottobre – Reggio Emilia

martedì 13 ottobre 2015

Martedì 13 ottobre,
a Reggio Emilia,
alla sala conferenze Gualdi di Palazzo Magnagni,
in corso Garibaldi 3,
alle 17 e 30,
discorso sul Morgante.

Errata corrige

sabato 13 dicembre 2014

Mi hanno segnalato che del discorso Le pietre d’incanto che credevo di aver messo sul sito l’altro giorno c’era solo una piccola parte iniziale, adesso dovrebbe esserci tutto: clic

Le pietre d’incanto

venerdì 12 dicembre 2014

[Metto qua sotto un discorso che ho fatto l’altro giorno a Reggio Emilia, che rielabora due discorsi precedenti e dove, comunque, ci saranno un sacco di refusi]

Le pietre d’incanto
discorso su Auschwitz che comincia a Reggio Emilia
pronunciato a Reggio Emilia
nella sala stampa del teatro Valli
l’8 dicembre del 2014

Buongiorno.
Sono contento quando vengo a Reggio Emilia, e mi piace molto venire in questo teatro, e sono contento che l’istoreco mi abbia invitato a collaborae per il viaggio della memoria di quest’anno e a chiudere questa passeggiata per la città che abbiamo appena fatto e dove ci hanno raccontato dove sarenno messe le pietre d’inciampo che stanno per essere posate, cioè nei posti dove, l’8 dicembre del 1943 alcuni ebrei reggiani sono stati arrestati perché erano colpevoli di essere ebrei.
Allora, premetto che siccome quest’anno, praticamente, questa è la prima cosa che facciamo, non abbaimo ancora cominciato a lavorare, mi sono sentito autorizzato a rielaborare dei lavorai che avevo fatto nel 2009 con Istoerco e negli anni successivi con La fondazione Fossoli, con i quali sono stato ad Auschwitz per qualche anno.
Dopo, stamattina, intanto che sentivo gli storici delli’istoreco che parlavano delle pietre d’inciampo, a me è venuto in mente che questo discorso forse era meglio cambiargli titolo, perché io pensavo di chiamarlo L’incanto, invece forse è bene chiamarlo Le pietre d’incanto, perché io immagino che alcune di queste pietre produrran dell’incanto, che l’incanto uno non lo direbbe mai, che lo trova.
Cioè il momento prima di trovare l’incanto non ti succede mai che pensi Ecco io adesso, tra un momento, trovo l’incanto.
Se no era troppo facile.
Non so se si capisce.
Adesso mi spiego.
AlIora io, sabato mattina, quando sono arrivato a casa, ho acceso computer, dovevo cominciare a scrivere questo discorso, solo che il computer non si è acceso, mi è apparsa una specie di cartella grigia con un punto interrogativo lampeggiante. Allora cos’ho fatto, ho spento il computer, l’ho riacceso, mi è riapparsa una cartella grigia con un punto interrogativo lampeggiante.
Ho fatto così sei o sette volte, dopo ho pensato che non è che potevo andare  avanti tutto il giorno a accendere e spegnere il computer, dovevo anche andare a correre, allora sono andato a correre, quando son tornato da correre ho acceso il computer, cartella grigia con punto interrogativo lampeggiante.
Allora ho fatto una commissione, dovevo andare nella scuola di mia figlia ad aiutare a mettere le luci per la festa di natale, dopo ho fatto una minima spesa, sono andato a mangiare, ho chiesto alla mamma di mia figlia, che lei, di computer, ne sa più di me, se provava a vedere se riusciva ad accenderlo, niente da fare, non c’è riuscita.
Non mi andava più il mio computer.
Che è stata una cosa, da un certo punto di vista, incantevole, una solitudine, senza il mio computer, ci son delle solitudini che hanno un buon odore e quella lì, mi è sembrato, era una di quelle si stava anche bene, senza computer, l’unico problema era che, entro lunedì mattina, avrei dovuto scrivere questo disccrso, è vero che era sabato potevo andare a farlo riparare solo che non potevo, che erano già quasi le due, dovevo pulire in casa mia che la sera sarebbe venuto un amico di mia figlia a dormirci, che io quella notte avrei dormito a Milano, e poi dovevo appunto andare a Milnao avevo un treno che partiva alle sedici e trentotto, non c’era mica tanto da ballare, e allora come ho fatto, vi chiederete.
Ho preso un altro computer.
Ne ho altri due.
Ho usato uno di quelli.
Un computer vecchio del 2009 che però è venuto buono perché era il computer con il quale avevo lavorato a un altro lavoro che avevo fatto con l’istoreco, lavoro che si chiamava Hai sentito che storia ed era una specie di audioguida ai luoghi reggiani della resistenza, alcuni dei quelli son quelli che abbiamo visto oggi e che io ho visto per la prima volta allora, cioè li avevo già guardati ma non li avevo visti. Non so se si capisce.
Io per esempio, qui, la via Emiila, quella parte della via Emilia che si chiama Via Emilia Santo Stefano, c’è una stradina, che si apre tra i negozi Cimurri uomo e La griglia (macelleria e gastronomia) che si chiama via dell’aquila e all’ingresso di questa stradina, fino a qualche anno fa si vedevano ancora dei cardini, segno che lì, tempo prima, c’era un portone. Il portone c’era stato messo in seguito a una bolla papale, la bolla Cum nimis absurdum  emanata da papa Paolo IV il 14 luglio 1455.
Cum nimis absurdum significa Poiché è oltremodo assurdo, e sono le prime parole della bolla, che fa così: Continua a leggere »

8 dicembre – Reggio Emilia

lunedì 8 dicembre 2014

Lunedì 8 dicembre,
a Reggio Emilia,
alle 11.30,
alla sala stampa del Teatro Valli,
leggo un discorso di 30 minuti che
si intitola
Auschwitz cominciava a Reggio Emilia,
nell’ambito della manifestazione
di Istoreco Parole d’inciampo
che comincia alle 10 in via Monte Grappa 18,
a Reggio Emilia

29 aprile – Reggio Emilia

martedì 29 aprile 2014

Martedì 29 aprile
a Reggio Emilia,
a palazzo Magnani,
in corso Garibaldi, 29,
alle 15 e 30
In Unione Sovietica
non tutti i sovietici
eran sovietici
(Bulgakov, Erofeev,
Dovlatov, Chlebnikov,
Anna Achmatova,
Mandel’stmam,
Pasternak
e il compagno Stalin)

Cosa fa la musica

martedì 4 marzo 2014

La musica aiuta le gambe per danzare

[cosa fa la musica secondo un bambino di una scuola dell’infanzia di Reggio Emilia]

Sono nato

martedì 4 marzo 2014

Sono nato dalla pancia della mamma, mi sono girato, mi sono liberato e sono nato.

[un bambino di una scuola dell’infanzia di Reggio Emilia racconta come è nato]