Crea sito

Venedikt Erofeev

domenica 10 dicembre 2017

È irrimediabilmente passato, il tempo in cui io non esistevo.

[Venedikt Erofeev, Bespoleznoe iskopaemoe, Moskva, Vagrius 2001, p. 156]

Venedikt Erofeev

mercoledì 1 novembre 2017

Gli abitanti dell’isola di Helgoland, l’ultimo dell’anno, non si augurano di essere in salute, né di avere successo, ma di avere un «cuore tranquillo».

[Venedikt Erofeev, Bespoleznoe iskopaemoe, Moskva, Vagrius 2001, pp. 40]

Venedikt Erofeev

lunedì 30 ottobre 2017

Chesterton, sulla differenza tra un pessimista e un ottimista. L’ottimista è quello per il quale va tutto bene tranne il pessimismo. Il pessimista è quello per il quale va tutto male tranne se stesso.

[Venedikt Erofeev, Bespoleznoe iskopaemoe, Moskva, Vagrius 2001, pp. 93-94]

Venedikt Erofeev

martedì 24 ottobre 2017

Alla sera, non riesco a dormire, al mattino, non riesco a svegliarmi.

[Venedikt Erofeev, Bespoleznoe iskopaemoe, Moskva, Vagrius 2001, p. 64]

Venedikt Erofeev

venerdì 20 ottobre 2017

Io il mondo non lo guardo, lo curioso.

[Venedikt Erofeev, Bespoleznoe iskopaemoe, Moskva, Vagrius 2001, p. 60]

Venedikt Erofeev

domenica 8 ottobre 2017

Scarpe italiane. Cravatta regimental. Camicia di forza. Corona di spine.

[Venedikt Erofeev, Bespoleznoe iskopaemoe, Moskva, Vagrius 2001, p. 83]

Venedikt Erofeev

giovedì 5 ottobre 2017

Il mio cuore non parla questa musica del no, ma neanche quella del sì, parla. Il mio cuore alza le spalle, quando lo ascolti.

[Venedikt Erofeev, Bespoleznoe iskopaemoe, Moskva, Vagrius 2001, p. 85]

Venedikt Erofeev

martedì 3 ottobre 2017

Non voglio essere utile, ho detto, voglio essere urgente.

[Venedikt Erofeev, Bespoleznoe iskopaemoe, Moskva, Vagrius 2001, p. 145]

Venedikt Erofeev

lunedì 4 settembre 2017

Lei mi ha respinto allo stesso modo in cui Georges Marchais ha respinto il concetto di dittatura del proletariato.

[Venedikt Erofeev, Bespoleznoe iskopaemoe, Moskva, Vagrius 2001, p. 168]

Venedikt Erofeev

sabato 2 settembre 2017

Non è ancora nato, l’uomo che ha avuto voglia di mordermi.

[Venedikt Erofeev, Bespoleznoe iskopaemoe, Moskva, Vagrius 2001, p. 162]