Crea sito

1948

domenica 26 marzo 2017

Raffaello Baldini, La nàiva furistír ciacri

Ventitre anni, carina, innamorata, ma i suoi non volevano, suo padre delle scenate, per settimane, mesi, una guerra, lei sempre più innamorata e l’altra sera, è andata a letto presto, si è chiusa in camera, e la mattina non si è svegliata più. Che uccidersi non va bene, non si può, però ‘sta bambina, adesso, come farà il signore, a mandarla all’inferno?

[Raffaello Baldini, 1948, in Raffaello Baldini, La nàiva Furistir Ciacri, Torino, Einaudi 2000, pp. 252]